Giov 30/ Ven 31 Agosto: Upega Folk Trekking

Giovedì 23 Agosto: Giro dei Forti del Colle di Tenda
agosto 17, 2018
Mercoledì 12 Settembre/ Domenica 15 Settembre: Mi Maira( Soggiorno Trekking in Val Maira)
agosto 21, 2018

GIOV 30/ VEN 31 AGOSTO: UPEGA FOLK TREKKING.

Info e contatti: Jack in The Green( 3341217884)
Quota Trekking: 20 euro
Equipaggiamento da Montagna, packed lunch e borraccia d’acqua.
Pernottamento alla Locanda Upega: 45 euro 1/2 pensione.
Sacco a Pelo in caso di pernottamento al Rifugio Porta del Sole.
Prenotazioni entro Mercoledì 29 Agosto alle ore 12.

UPEGA- PASSO DI LAGARE’- CARNINO- VIOZENE.

Escursione in tera brigasca passando per ponti tibetani e attraverso singolari pareti calcaree.

Il sentiero ha inizio dal centro storico di Upega, superate le ultime case della borgata brigasca si sale per vari tornanti fino ad arrivare a una rocca a strapiombo sulla Val Tanaro.

Siamo al Passo di Lagarè( 1745 mt), antico valico un tempo molto usato per collegare Upega con Carnino.

Dal colletto si segue una traccia nel bosco di carpini e frassini e poi pini silvestri fino ad arrivare a una passerella in legno che attraversa un rio e che ci conduce a Carnino Superiore.

Superata la chiesetta e agganciata la strada provinciale si prende a questo punto un sentiero che porta a Carnino Inferiore.

Seguendo una pista sterrata si perviene ai ruderi dei Tetti delle Donzelle e continuando nel fresco bosco si arriva alla Colla di Carnino.

A questo punto per passare il Vallone delle Fuse occorre passare per un ponte tibetano sospeso nella valle, mentre poco dopo si stacca il sentiero che va alla Grotta delle Vene.

Continuando immersi tra pini e latifoglie si arriva quindi al Rifugio Mongioie, immerso nell’ampio pianoro pascolivo di Pian Rosso.

Continuando in discesa si incontra la “Cabana de Cian Ruscet” e da questa si scende giù rapidamente verso il villaggio di Viozene.

Distanza: 12 km Dislivello: 850 mt Durata: 5 h Ritrovo: ore 7.30 Le Cave di Imperia. Informazioni ed Iscrizioni: Diego Rossi( Guida Aigae: tel 3341217884). Pernottamento alla Locanda Upega/Rifugio Porta del Sole: 0183 290213

UPEGA- COLLA ROSSA- MONTE MISSUN

Bosco di Larici, cespugli di rododendro e panorami di crinale tra Italia e Francia.

Distanza: 15 km Dislivello: 1150 mt. Durata: 6h 30 Ritrovo: ore 8.00 Locanda di Upega. Informazioni ed Iscrizioni: Diego Rossi( Guida Aigae: tel 3341217884)

ll percorso inizia da Upega, passato il ponte sul torrente Negrone 120 m più avanti, una palina indica la via per il Poggio Lagone e Monte Bertrand. Si “taglia” per il bosco per ritornare sulla strada SP154 dove svoltando a sinistra e percorsi circa 150 m, il sentiero riprende a destra con le stesse indicazioni di partenza. Da qui inizia una ripida salita, attraverso il Bosco delle Navette, in soli due chilometri porta a fare 500 mt di altitudine fino al Piano Formigola. Le indicazioni sono quasi inesistenti ma la traccia è molto evidente. Al Piano Formigola un cartello segnavia indica il percorso a sinistra. Il bosco delle Navette si estende per 2770 ettari sopra l’abitato di Upega nel Comune di Briga Alta, ed è uno dei più grandi ed interessanti boschi delle Alpi Occidentali. Il nome deriva dal fatto che un tempo il legno da esso ricavato veniva utilizzato per la costruzione di barche e navi nella vicina costa ligure. Giunti al Poggio Lagone (1897 m) si incrocia la sterrata che da Monesi conduce al Col di Tenda. Da qui il cartello segnavia indica per la Colla Rossa e il Monte Bertrand proseguendo di fronte in direzione Ovest. Noi abbiamo svoltato a sinistra per seguire la sterrata fino al cartello che indica il confine del Bosco delle Navette. Infatti, dopo circa 1,7 km, sulla destra una traccia poco evidente ma intuibile, sale per la Colla Rossa. Si seguono degli ometti lungo una salita che si svolge all’inizio lungo uno sperone e prosegue, sempre allo scoperto, percorrendo un dosso di terra rossa e ghiaia tra i rododendri. Arrivati sulla Via Marenca a sinistra si arriva alla Cima Missun.
Rientrati alla Colla Rossa si scende alla strada sterrata e dal Poggio Lagone si va alla Casa dei Cacciatori e proseguendo per il bosco delle Navette si fa ritorno a Upega.

Jack in the Green
Jack in the Green
Mi chiamo Diego Rossi ma sono conosciuto dalla maggior parte delle persone con lo pseudonimo di Jack in The Green, figura mitologica della tradizione britannica. Dall'Uomo Verde raffigurato nei portali delle Chiese, allo spazzacamino britannico che girovaga sopra i tetti dei cottage, al folletto dei boschi ricoperto di fronde verde, Jack in The Green cammina con te nel risveglio della natura e nella fertilità della terra.