Giovedì 7 Luglio: Colle Casotto- Bric Mindino

Escursioni di interesse storico- naturalistico e di grande impatto paesaggistico a cavallo tra le Valli Tanaro, Casotto e Mongia.

Il Bric Mindino oltre ad essere un eccezionale punto panoramico da cui distinguere in giornate di cielo terso anche il profilo della Corsica, si caratterizza per l’imponente croce eretta nel 1969 a ricordo dei caduti di tutte le guerre.

Descrizione: 

Si parte dal Colle del Casotto ( 13 km da Garessio) e si prende la strada sterrata che si stacca dalla parte opposta alle piste, poco dopo la si accantona per seguire la pista sconnessa che si addentra nella faggeta.

Arrivati a un bivio con segnaletica si ignora a destra la strada che scende e, tenendo la sinistra, si prosegue superando un tornante, dopo il quale si presenta un secondo bivio.

Qui lasciando a destra la strada che conduce al Colle di Prato Rotondo e Rocca della Madonna si continua a salire sui tornanti, e da una radura si entra a vista della Grande Croce del Mindino.

A breve si raggiunge con una labile traccia che fiancheggia la strada le due croci di vetta da cui dipartono incompartabili vedute sulla Val Tanaro.

Arrivati dall’altro lato della vetta  una palina segnaletica ci indirizza verso il colle di Prato Rotondo.

Il percorso di discesa ci porta a  toccare una breve pineta e  a passare per una piccola cima con un cippo detta Bric Nei (1768 m) . Da qui  si abbandona il sentiero che prosegue tra i rododendri verso la Colla Pian del Bal per scendere sullo sterrato verso la conca  e una piccola costruzione.

Passati alcuni tornanti si raggiunge l’indicazione per la Rocca della Madonna, che si trova a pochi metri dalla strada, quindi continuando a scendere si attraversa il rio del torrente Mongia.

La strada conduce poi a dei prati e  al colle di Prato Rotondo (1503 m) dove pannelli ci segnalano la direzione della Colla di Casotto. Poche centinaia di metri oltre, tenendo la destra si segue un’altra indicazione per la Colla di Casotto.

La strada ci fa fare un lungo tratto di salita costeggiando le pendici del  Mindino. ma la discesa seguente ci riporterà, con altre belle visuali su Garessio, al bivio già incontrato durante la salita dove  stando sulla sinistra faremo ritorno tra i boschi di faggio al punto di partenza.

Notizie Logistiche: 

Ritrovo ore 8,15 dal Colle di Nava( ampio parcheggio vicino chiosco della Lavanda) oppure alle 9 dal Colle Casotto.  Dislivello: 670 km Km: 13,5  Durata: 4h 30 + soste.

Equipaggiamento: Scarponcini con buona suola, t shirt di ricambio, ki way o mantella. 1 buona scorta d’acqua( 2 litri). cappello o visiera, pranzo al sacco. Quota partecipativa: 10 euro.

Info e Contatti: Jack in the Green( tel 3291512290)

Prenotazioni entro e non oltre Mercoledì 6 Luglio alle ore 18.

Jack in the Green

Jack in the Green

Mi chiamo Diego Rossi ma sono conosciuto dalla maggior parte delle persone con lo pseudonimo di Jack in The Green, figura mitologica della tradizione britannica. Dall'Uomo Verde raffigurato nei portali delle Chiese, allo spazzacamino britannico che girovaga sopra i tetti dei cottage, al folletto dei boschi ricoperto di fronde verde, Jack in The Green cammina con te nel risveglio della natura e nella fertilità della terra.

Jack in the Green

Jack in the Green

Mi chiamo Diego Rossi ma sono conosciuto dalla maggior parte delle persone con lo pseudonimo di Jack in The Green, figura mitologica della tradizione britannica. Dall'Uomo Verde raffigurato nei portali delle Chiese, allo spazzacamino britannico che girovaga sopra i tetti dei cottage, al folletto dei boschi ricoperto di fronde verde, Jack in The Green cammina con te nel risveglio della natura e nella fertilità della terra.

Articoli Correlati