Sabato 22 Ottobre: Castelvittorio- Colla d’Argante- Bosco di Grou

Dopo due mesi di assenza, ritornano le escursioni legate alla Guida Alpi Azzurre, per l’occasione i due autori Corrado Ramella e Diego Rossi alias Jack in The Green approffitano del folliage autunnale per accompagnarvi a visitare il superbo  “Bosco di Grou”  , uno straordinario castagneto situato nella testata del Vallone di Gordale , che conta  un centinaio di enormi alberi secolari dei quali circa 90 superano i 5 metri di circonferenza e dove un paio di loro arrivano ai 10 metri e sono dei veri alberi monumentali.  Si ha testimonianza di questo bosco  grazie a un documento risalente al 1642 , in cui risulta che il bosco era di proprietà della Confraria di Castelvittorio, recentemente  a tutela della preziosa realtà forestale è nata l’Associazione Groo- per i castagni monumentali di Castelvittorio. 

Descrizione Percorso: 

Si parte da San Sebastiano, località posta sulle alture di Castelvittorio , dalla chiesetta si segue la strada consorziale delimitata dalla sbarra e la si percorre restando lungo la cresta spartiacque tra il Rio Gordale ed il Rio Bonda.

In alternativa alla pista in certi tratti vi sono dei tagli su tracce di sentiero che consentono di accorciare il cammino che nel primo tratto si sviluppa tra pinete e boschi misti a castagno.

Dopo qualche km si arriva alla Colla di Argante, bel pianoro erboso con suggestiva vista sulle Alpi Liguri e Marittime, e dal quale si interseca un sentiero che conduce al Monte Ceppo e a Bajardo.

Rimanendo invece sulla pista oltrepassiamo la sella per entrare nel Vallone di Grou a circa 1.000 metri di altitudine dove verremo circondati dai giganti arborei.

Sul luogo, tra le larghe fasce abbandonate, si ritrovano antichi manufatti rurali quali ripari in pietra  ed essiccatoi per le castagne.

La via di ritorno la si percorre riprendendo il medesimo percorso d’andata anche se va detto che il vallone di Grou  si estende  ancora per diversi km  fino a località San Giovanni dei Prati con il castagneto  che ad un certo punto cede il passo a un bosco di carpini e faggi.

Notizie Logistiche:

Ritrovo ore 8,30 davanti al Bar Busciun di Castelvittorio e trasferimento con auto in località San Sebastiano.

Sviluppo Percorso A/R: 13 km  Dislivello: 550 mt Difficoltà: E  Durata: 4h30. Pranzo al Sacco. Quota di Partecipazione: 10 euro.

Equipaggiamento: Scarponcini con una buona suola, t shirt di ricambio, ki way o mantella, pantaloni lunghi, 1 litro e mezzo d’acqua.

Info e Contatti: Jack in The Green( guida ambientale- escursionistica: tel 3291512290, Corrado Ramella: ( 3899954834)

Jack in the Green

Jack in the Green

Mi chiamo Diego Rossi ma sono conosciuto dalla maggior parte delle persone con lo pseudonimo di Jack in The Green, figura mitologica della tradizione britannica. Dall'Uomo Verde raffigurato nei portali delle Chiese, allo spazzacamino britannico che girovaga sopra i tetti dei cottage, al folletto dei boschi ricoperto di fronde verde, Jack in The Green cammina con te nel risveglio della natura e nella fertilità della terra.

Jack in the Green

Jack in the Green

Mi chiamo Diego Rossi ma sono conosciuto dalla maggior parte delle persone con lo pseudonimo di Jack in The Green, figura mitologica della tradizione britannica. Dall'Uomo Verde raffigurato nei portali delle Chiese, allo spazzacamino britannico che girovaga sopra i tetti dei cottage, al folletto dei boschi ricoperto di fronde verde, Jack in The Green cammina con te nel risveglio della natura e nella fertilità della terra.

Articoli Correlati