Venerdì 6 Gennaio: Le Scarpe Rotte: Sanremo- San Lorenzo- Coldirodi- Ospedaletti.

L’Epifania ci riporta alla realtà dopo un transito festivo fatto di focolari, doni e libagioni, un periodo in cui i muscoli si sono rattrappiti e gli scarponi perfino sgualciti. Camminiamo sotto cieli che guardano il Mare Ligure tra antiche mulattiere in parte pedonalizzate in parte rimaste come un tempo. A Coldirodi ci aspettano i Re Magi e ad Ospedaletti un sogno campestre che confina con i lidi costieri.

Descrizione:

Il nostro itinerario ha inizio dalla Foce di Sanremo, dove parte una mulattiera in ciottolato che poi si unisce alla strada cementata che sale verso la localitò di San Lorenzo. Passati oltre l’omonima chiesa si continua a salire con pendenza costante fino ad innestarsi con la strada proveniente da San Romolo. Da qui si stacca una pista sterrata che poi diventa sentiero  che si addentra tra macchie di ginestra, cisto e corbezzolo. Raggiunto un bivio si abbandona la traccia dell’impianto del  gasdotto per piegare verso sinistra lungo la lecceta che percorre la variante  dei Tubi. Il tratto balcone offre notevoli scorci su Sanremo e Coldirodi ma occorre prestare attenzione a tratti leggermente accidentati e alle griglie sdrucciolevoli.  Raccordatisi con la strada che sale alla Croce di Padre Poggi si procede in discesa fino a raggiungere il centro di Coldirodi. Si visita il borgo con i suoi caratteristici carruggi e gli addobbi natalizi e seguendo poi i segnavia del Sentiero Liguria ed i Cartelloni della Lampo ci dirigiamo verso Ospedaletti. Ad un certo punto abbandoniamo la strada di Vallegrande per raggiungere uno spazio campestre dove faremo la pausa picnic. Discesi al Circuito di Ospedaletti tagliando tra  varie scalinate raggiungiamo l’Auditorium e la pista ciclabile che percorreremo per circa 5 km facendo rientro a Sanremo.

Notizie Logistiche:  Ritrovo ore 9,00 dalla Coop di Sanremo. Durata Escursione: 5h + soste. Dislivello: 530 mt. Km:12,5. Quota di Partecipazione: 10 euro Equipaggiamento: Scarponcini con buona suola, t shirti di scambio, pantaloni lunghi, giacca a vento. 1 litro d’acqua. bastonicini tecnici.. Pranzo al Sacco. Info e Contatti: Jack in The Green( guida ambientale- escursionistica: tel 3291512290).

Jack in the Green

Jack in the Green

Mi chiamo Diego Rossi ma sono conosciuto dalla maggior parte delle persone con lo pseudonimo di Jack in The Green, figura mitologica della tradizione britannica. Dall'Uomo Verde raffigurato nei portali delle Chiese, allo spazzacamino britannico che girovaga sopra i tetti dei cottage, al folletto dei boschi ricoperto di fronde verde, Jack in The Green cammina con te nel risveglio della natura e nella fertilità della terra.

Jack in the Green

Jack in the Green

Mi chiamo Diego Rossi ma sono conosciuto dalla maggior parte delle persone con lo pseudonimo di Jack in The Green, figura mitologica della tradizione britannica. Dall'Uomo Verde raffigurato nei portali delle Chiese, allo spazzacamino britannico che girovaga sopra i tetti dei cottage, al folletto dei boschi ricoperto di fronde verde, Jack in The Green cammina con te nel risveglio della natura e nella fertilità della terra.

Articoli Correlati