Sabato 19 Agosto: Madonna delle Finestre- Colle delle Finestre

Nel camminare si sale e si scende con le gambe e con la testa, talvolta sospinti dallo spirito e mossi da un inspiegabile spinta emotiva, quella che potremo percepire in questo cammino . Qui peraltro vi fu  nel periodo della Seconda Guerra Mondiale il tragico esodo verso l’Italia di molti ebrei al confino.

Descrizione:

Si parte  dal  santuario di Madonne de Fenestre 1903 m. . un luogo intriso di misticismo e contornato da numerose montagne tra le quali spicca il Massiccio del Gelas(  3143 mt),  si segue l’ampio e comodo sentiero diretto al colle de Fenetre 2471, punto che segna il confine tra l’Italia e la Francia. Ci troviamo nel Parco Nazionale del Mercantour e come tale saremo colpiti dalla fauna e della flora che contorna questo particolare territorio.

Poco prima  del superamento  del  torrente di Magnin  si ignora  il sentiero sulla sinistra che porta al Passo di Ladres  tenendo la direzione del Lago de Fenestre.  Dopo esserci ristorati ai piedi del lago si prosegue in salita fra vari zig  zag  per arrivare  al Colle de Fenetre dovetra le casermette,  è facile vedersi aggirare da popolazione di stambecchi.

Tornati al cartello segnaletico  si  svolta a destra in direzione del Pas des Ladres (b428) che offre uno splendido panorama sull’alta valle del Boréon e sul lago di Trecolpas (2150m).  Si continua restando sul GR5 per completare l’anello che ci riporterà al Santuario.

Notizie Logistiche: 

Dislivello: 650 mt Km: 9,5  Durata: 4h30 + soste. Difficoltà: E. Quota di Partecipazione: 10 euro.

Equipaggiamento: Scarponcini con buona suola, pantaloni lunghi, giacca  a vento, mantella o ombrellino. Pranzo al Sacco. Una Buona scorta d’acqua.  Bastoncini da Trekking. I cani non possono entrare in quanto nel Parco Nazionale del Mercantour vige il divieto.

Ritrovo ore 7,15 dal Bar Gasoline di Olivetta San Michele oppure alle 9,30 al Santuario della Madonna de Fenetre.

Come Arrivare:   Si Consiglia di seguire la Strada Provinciale  D2566 e la M70 che da Sospel  porta prima al Col de Turini e da Bollene Vesubie fino a Saint Martin de Vesubie per poi prendere la strada che porta dopo 11 km al santuario.

Info e Contatti: Jack in The Green( guida ambientale- escursionistica: tel 3291512290).

Jack in the Green

Jack in the Green

Mi chiamo Diego Rossi ma sono conosciuto dalla maggior parte delle persone con lo pseudonimo di Jack in The Green, figura mitologica della tradizione britannica. Dall'Uomo Verde raffigurato nei portali delle Chiese, allo spazzacamino britannico che girovaga sopra i tetti dei cottage, al folletto dei boschi ricoperto di fronde verde, Jack in The Green cammina con te nel risveglio della natura e nella fertilità della terra.

Jack in the Green

Jack in the Green

Mi chiamo Diego Rossi ma sono conosciuto dalla maggior parte delle persone con lo pseudonimo di Jack in The Green, figura mitologica della tradizione britannica. Dall'Uomo Verde raffigurato nei portali delle Chiese, allo spazzacamino britannico che girovaga sopra i tetti dei cottage, al folletto dei boschi ricoperto di fronde verde, Jack in The Green cammina con te nel risveglio della natura e nella fertilità della terra.

Articoli Correlati