Domenica 16 Gennaio: Ventimiglia Alta- Porta Canarda- Grimaldi- Mortola Sup- Passo 7 Camini- Mortola Inferiore

Giovedì 6 Gennaio: Befanando ( Bussana Mare- Bussana Vecchia- Colle Berzi- Taggia-Arma)
Dicembre 30, 2021
Giovedì 20 Gennaio: Essere Quercia: Pietrabruna- Chiesa di San Salvatore- Boscomare- Pietrabruna
Gennaio 15, 2022

Luogo della memoria e dell’incanto in cui primeggia un paesaggio fatto di pennellate leggere su tavolozza pasticciata  che introduce a un percorso dalle innumerevoli sfumature in cui l’epicità del passato si fonde con la complessità del presente.

Ed è così che in un attimo ci si ritrova in cammino sulle orme degli antichi romani mentre i nostri sensi si lasciano catturare dal profumo di mimosa e rosmarino e il nostro sguardo si distende sulla costa frastagliata e rugosa.

Descrizione

Dal Piazzale di fronte al Forte dell’ Annunziata si segue  il percorso dietro le mure di Ventimiglia Alta(  segnavia bianco rosso) e all’imbocco della strada x Castel D’ Appio si prende pochi metri più avanti un sentiero balcone a vista di Capo Mortola e della Costa Azzurra.

Immersi in impagabili scorci sul litorale intermelio e francese incontriamo dopo poco più di 1 km la superba Porta Canarda, l’unica delle 8 porte romane di un tempo rimasta in piedi e posta lungo l’antica Via Julia Augusta.

Si noti da un lato un bassorilievo in marmo con le armi dei Conti di Ventimiglia e una lapide che racchiude i nomi di personaggi illustri che sono passati sotto l’arco gotico di questa porta.

Da qui proseguiamo in falsopiano sull’ antico selciato romano per poi sbucare oltre a Latte e tenendoci su il Sentiero Liguria passiamo a fianco dei Giardini Hanbury  e alla Baia del Darsenun da cui parte un prima irta scalinata che ci porta a Grimaldi Inferiore  ed una più comoda fino a Grimaldi Superiore.

Dalla Chiesa Parrocchiale di Grimaldi si aggancia poco dopo sulla destra un sentiero con cartellonistica del CAI  che ci fa immergere in una bella pineta a ridosso del confine francese conducendo alla borgata abbandonata di Case Gina.

Arrivati ai Ciotti di Mortola dove si impone la Chiesa di Ns dell’Aria Aperta saliamo ancora per un breve tratto fino al Passo dei Sette Camini, meta finale della nostra ascesa.

La via del ritorno si sviluppa inizialmente su una strada a sfondo sterrato per poi continuare su un sentiero usato in particolare dai bikers che costeggia il versante meridionale del Monte Bellenda scendendo in modo piuttosto ripido fino a Mortola Inferiore e alle sue pittoresche case .

Giunti in prossimità dei Giardini Botanici Hanbury si segue per qualche centinaia di metri un percorso ciottolato “Discesa del Marinaio” che abbandoniamo ad un certo punto per riprendere sulla nostra sinistra la Via Aurelia che ripassando da Latte ci ricondurrà a Ventimiglia Alta.

  • Qui è facoltativa la visita del centro storico di Ventimiglia Alta.

 

Dati Tecnici:

Ritrovo ore: 9,00  dal parcheggio di fronte al Forte dell’Annunziata.

Durata Escursione: 5h 30 + soste

Dislivello complessivo: 630 mt

Difficoltà: E.  Km: 17,5

Equipaggiamento: Scarponcini con buona suola, pantaloni lunghi, giacca a vento, 1 litro e mezzo d’acqua. Pranzo al Sacco. Quota di adesione: 10 euro.

  • Si consiglia di prenotare entro e non oltre Sabato 15 Gennaio alle ore 18.

Info e Contatti: Jack in The Green( guida ambientale- escursionistica: tel 3291512290/3341217884)

 

Jack in the Green
Jack in the Green
Mi chiamo Diego Rossi ma sono conosciuto dalla maggior parte delle persone con lo pseudonimo di Jack in The Green, figura mitologica della tradizione britannica. Dall'Uomo Verde raffigurato nei portali delle Chiese, allo spazzacamino britannico che girovaga sopra i tetti dei cottage, al folletto dei boschi ricoperto di fronde verde, Jack in The Green cammina con te nel risveglio della natura e nella fertilità della terra.